Un aiuto per dimagrire e non solo: l’amido resistente.

UN AIUTO PER DIMAGRIRE E NON SOLO: L’AMIDO RESISTENTE

L’amido resistente è un tipo di amido che non viene digerito ma attraversa il tratto digestivo rimanendo intatto. Esso agisce come una fibra solubile: arriva nell’intestino, dove fermenta e viene convertito in acidi grassi che facilitano la proliferazione dei batteri buoni.

I batteri, quando digeriscono l’amido resistente, formano vari composti fra cui un acido grasso denominato butirrato.

Il butirrato è una delle principali fonti di energia per le cellule dell’intestino.

Esso esercita un potente effetto effetto anti-infiammatorio e contribuisce a ridurre il rischio di tumore colo rettale.

L’amido resistente, inoltre, migliora la sensibilità insulinica e la glicemia postprandiale.

In pratica non fa assorbire completamente gli zuccheri che fornisce evitando picchi glicemici che porterebbero causare aumento di peso e di grasso addominale.

 

Vi sono 4 specie di amido resistente, di cui una prodotta con procedimenti chimici.

Gli altri 3 tipi sono:

  • lo troviamo in grano, semi e legumi come avena, orzo,anacardi, piselli, lenticchie
  • contenuto in cibi amidacei quali patate crude e banane verdi.
  • Il terzo tipo lo troviamo nei cibi suddetti, come patate e riso, quando vengono raffreddati dopo la cottura. Infatti col raffreddamento gli amidi digeribili si ritrasformano in amido resistente.

 

 

COME ASSICURARSI LA GIUSTA QUANTITA’ GIORNALIERA DI AMIDO RESISTENTE

-Si possono consumare patate e riso cotti ma raffreddati per poter ottenere i benefici legati all’assunzione di          amido resistente, quali mantenere bassa la glicemia e perdere peso.

-Il metodo più semplice per assumere la giusta dose giornaliera di amido resistente è usare la fecola di   patate. Un cucchiaio contiene 8-10 grammi di amido resistente.

La dose giusta è di 40 gr quindi si dovrebbero consumare 3-4 cucchiai al giorno nei cibi non troppo caldi oppure scioglierla in acqua o succhi di frutta.


Lascia un commento