Sugar detox. Disintossicarsi dallo zucchero.

COME SCONFIGGERE LA DIPENDENZA DAGLI ZUCCHERI: LA “SUGAR DETOX”.

 

Citando un pezzo uscito su Goop,“fondamentalmente, lo zucchero è una droga ricreativa, socialmente accettata, legale e dalle conseguenze letali. Lo zucchero ci fa sentire bene,pieni di energia e allegri.

E, come nel caso di qualsiasi altra sostanza, per sconfiggere la dipendenza da zucchero che crea occorre attenersi a un piano flessibile ma ben strutturato”

Appena ne diminuiamo l’assunzione avvertiamo nervosismo e stanchezza che ci spingono a ricercare di nuovo dolce in un circolo vizioso.

Non è affatto facile disintossicarsi dallo zucchero in via definitiva specie se si è abituati a mangiarne ogni giorno. Però i danni dell’over sugaring sull’organismo sono tanti e tutti comprovati. Come ricorda il nuovo libro Sugar Detox (edizioni RED!), studi recenti dimostrano che lo zucchero non solo ci rende grassi, stanchi e apatici, ma a lungo andare può innescare patologie gravi come diabete, Alzheimer, sindrome da iperattività e deficit di attenzione.

Per sconfiggere la dipendenza da zucchero occorre attenersi a un piano flessibile ma ben strutturato”.

Limitare l’assunzione di zucchero nell’arco della giornata è un’operazione che richiede una certa attenzione perché lo zucchero si trova dappertutto, ma è un’operazione possibile.

Qui alcuni consigli:

-Come spiega il manuale, prima di intraprendere la nuova dieta dovrai passare al vaglio le tue abitudini alimentari correnti. Inizia col tenere un diario dei cibi (oppure scarichi LC Dieta 1.0che consumi per un periodo di tempo preciso, poniamo una settimana, in modo che tu possa valutare al meglio quali sono le modifiche più appropriate da apportare alla dieta e anche capire quanto zucchero consumi in media.

– Calcola sia i cucchiaini che aggiungi al caffè sia quello presente nei cibi. Fai attenzione allo zucchero nascosto leggendo l’etichetta. Il fatto che un alimento non abbia “zuccheri aggiunti” non significa che il contenuto di questo sia basso.

-Elimina tutti i dolci e i cibi contenenti zucchero. I cibi spazzatura quali panini con hamburger, patatine fritte ecc. sono ricchi di zuccheri. Cerca di evitarli non solo perché affaticano lo stomaco e il fegato, ma anche perché sovraccaricano il pancreas, produttore di insulina.

-Quando vai a fare la spesa cerca di comprare solamente alimenti della miglior qualità possibile.

-In realtà non è sufficiente eliminare i cibi ad alto contenuto di zucchero, dovrai anche scoprire qual è il modo migliore per sostituirli. Per non sbagliare, segui la dieta mediterranea: approvata dalla comunità scientifica, promuove la salute del sistema immunitario e supporta le funzioni di autoregolazione dell’organismo. Questo regime alimentare si basa su un forte consumo di frutta e verdura di stagione, derivati dei cereali (integrali) come pane, pasta e riso, patate, legumi, semi e frutta secca, erbe fresche o essiccate e aglio, pesce, carne bianca e olio extravergine d’oliva. Latte, latticini e uova vengono consumati con moderazione. I cibi meno salutari come manzo, maiale, agnello e insaccati vengono inclusi nei pasti soltanto occasionalmente.

-Non tutti gli zuccheri fanno male:quelli di patate dolci e carote sono salutari. Si possono consumare anche alcuni dolcificanti come sorbitolo, mannitolo, xilitolo, maltitolo, che non fanno impennare la glicemia.

-Non occorre prestare particolare attenzione all’apporto calorico giornaliero, ma è invece importante fornire all’organismo i nutrienti corretti al momento giusto della giornata.

Durante le prime quattro settimane è essenziale consumare tre pasti regolari al giorno: rispettare le pause tra essi ti aiuterà a sviluppare una fame sana e incoraggerà l’organismo a bruciare i grassi nel modo più efficiente possibile.

Poichè a colazione il corpo ha bisogno di una dose extra di energia, consuma carboidrati di origine integrale (per esempio pane e fette biscottate integrali , muesli ). La frutta fresca è ricca di vitamine ma contiene anche fruttosio, uno zucchero naturale. Consumala preferibilmente a colazione. Ok anche a yogurt naturale, ricotta, formaggio, uova, pollo o affettati magri. Fino alle 14 è ancora possibile mangiare carboidrati a rilascio lento . Quindi  a pranzo opta per cereali integrali o legumi ed abbinali a carne, pesce o derivati della soia, e a verdure in abbondanza. A cena: almeno per le prime otto settimane i pasti serali non dovranno includere alcun tipo di carboidrati, ma si dovranno concentrare su proteine e ortaggi a volontà.

Puoi portare in tavola carne (pollo,tacchino, ogni tanto manzo), pesce, verdure, formaggio, uova

 

È importante che rispetti la suddivisione della dieta in tre pasti giornalieri, ma se dovesse risultare troppo difficile, questi sono gli spuntini che puoi concederti a metà mattina e a metà pomeriggio: un uovo sodo, un paio di fette di prosciutto senza grasso, una porzione di fiocchi di latte, una porzione di yogurt naturale a basso contenuto di grassi, 200 grammi di ricotta, una tazza di brodo vegetale liscio. Non scordarti di bere durante l’arco della giornata (come minimo 1,5-2 litri di acqua).

Questo regime alimentare va seguito per 8 settimane.

Dalla nona alla dodicesima settimana puoi consumare carboidrati a lento assorbimento fino alle 6 del pomeriggio.

 

-Importante è anche fare movimento fisico.

Non c’è bisogno di iscriverti in palestra, basta iniziare a fare le scale a piedi, andare in bici invece che in auto, o più semplicemente, camminare.

In questo modo brucerai più zuccheri e riuscirai a tenere sotto controllo il peso.

 

BENEFICI DERIVANTI DA UNA DIETA SUGAR FREE

 

Prima che si riescano ad avvertire i benefici della disintossicazione dallo zucchero possono volerci settimane. In questo arco di tempo bisogna resistere allo sconforto di non vedere risultati immediati.

Se si riesce a spezzare la dipendenza dallo zucchero ed a ridurne l’apporto, l’organismo sarà costretto a bruciare prima le riserve di energia di pronto uso accumulate nel fegato sotto forma di glicogeno, poi i depositi di grasso, così il corpo si snellirà. Inoltre la pelle apparirà più luminosa e si guadagnerà in energia.

Infatti, mentre gli zuccheri danno una rapida sferzata di energia seguita da un improvviso calo, una dieta sugar free farà acquisire forze e lucidità più a lungo.

Anche la qualità del sonno migliorerà e ne beneficerà l’intestino, non più irritato dall’eccesiva dolcezza.

Infine si noterà una riduzione dell’ansia, provocata dalla dipendenza da cibi spazzatura.

 

 

 

 


Lascia un commento